Gap Studi e Consulenze s.r.l. a socio unico
Sede Legale: Via Ugo Bassi, 3 – 37126 Verona
Tel. 045 8350882
Fax 045 8306305
Email: info@gapconsulenti.it
PEC: gapconsulenti@arubapec.it

C.F. - P. IVA -Registro delle imprese di Verona 03838590234
REA 369852
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.

Privacy Policy

3 step per risparmiare denaro con il controllo di gestione

October 17, 2019

 

 

Hai la sensazione che la tua azienda vada a rilento?

 

A volte le imprese sopportano costi che appesantiscono inutilmente il conto economico, rendendo difficile la pianificazione futura, il flusso di cassa e la gestione dell’intera azienda.

 

In poche parole, ci sono oneri che passano inosservati ma che incidono sulla redditività della tua azienda. Molto spesso si tratta di costi nascosti, ovvero di attività o processi che hanno un costo non facilmente individuabile per la tua azienda.

 

Il costo dei dipendenti è una variabile facilmente monitorabile che si può prevedere nel tempo, ma ci sono altri costi meno immediati.

 

Ad esempio, le licenze dei software. Oppure, i costi dovuti all’invenduto (i surplus di produzione), o ancora quelli dovuti ai tempi morti di produzione, o ancora i costi dovuti alle tecnologie obsolete.

 

Tutti questi oneri, che spesso diventano dei veri e propri sprechi, non sono facilmente individuabili e passano in secondo piano.

 

Come ottimizzare e ridurre i costi inutili in azienda?

 

1 – Individua le spese

 

Il primo passo per ottimizzare i costi in azienda è monitorare e analizzare nel dettaglio entrate e uscite. In questo modo si potranno individuare le spese che normalmente non si tengono in considerazione.

 

Possono essere uscite che si verificano una tantum o spese programmate, che magari con il tempo sono passate in secondo piano o addirittura sono state dimenticate.

 

In questa fase è importante raccogliere anche le spese più piccole. Ricorda che piccoli costi, messi assieme, costituiscono un grande onere per l’azienda.

 

2 – Obiettivi: quali sono le priorità?

 

Una volta che tutte le spese sono state individuate, dalle più importanti fino a quelle meno rilevanti, è necessario porsi degli obiettivi.

 

Bisogna quindi stabilire quali sono le spese da ridurre, in che modo farlo e in quali tempi. Per fare questo è necessario anche stabilire delle priorità, ponendosi queste due domande:

  • Quali sono le spese che devono essere ridotte immediatamente?

  • Quali sono invece le spese che possono essere ottimizzate nel lungo periodo?

In questa fase è necessario capire quali sono le spese realmente superflue, per poi stabilire un piano di gestione delle stesse.

 

Si possono rivelare molto utili, ad esempio, i software per il monitoraggio e gestione delle spese.

 

Lo step successivo è forse quello più importante...

 

3 – Ottimizzare e ridurre i costi con gli strumenti giusti

 

Ora che hai individuato i costi in eccesso e hai stabilito obiettivi e priorità, è giunto il momento di agire, ridistribuendo le risorse e tenendo sempre monitorata la nuova suddivisione delle spese.

 

Come?

 

Ci sono sul mercato diversi strumenti in grado di aiutare in questo compito, in genere piattaforme e software, che permettono di fornire dei dati precisi.

 

Il problema è che avere i dati non è sufficiente se non si hanno le competenze economiche per saperli leggere.

 

 

 

Per questo il vero valore aggiunto è dato dalle persone, non dai software.

 

Quindi la domanda è:

 

puoi contare su professionisti che sappiano leggere e interpretare correttamente questi dati? E poi, cosa ancora più importante, questi professionisti sono in grado di proporre delle reali ed efficaci azioni correttive per riportare l’azienda in carreggiata?

 

Senza basi economiche e la giusta esperienza, infatti, i dati non possono essere letti in modo corretto e si rischia di interpretare le informazioni in modo errato.

 

Vuoi ottimizzare anche tu la redditività della tua azienda e applicare una strategia creata apposta per la tua impresa?

 

Attento a tutti quegli interlocutori che propongono soluzioni informatiche in grado di effettuare automaticamente il controllo di gestione, poiché in genere queste realtà offrono strumenti, anche ben fatti, che però non si fondano sulle conoscenze e sull’esperienza diretta del mondo del business e del management.

 

All’impresa serve una guida che crei una strategia precisa e applichi una programmazione intelligente delle attività aziendali.

 

Se anche tu stai cercando quella guida che ti permetta di interpretare i dati di controllo e ti aiuti a tagliare le spese inutili e a formulare una strategia di distribuzione delle risorse, scegli SALUTE AZIENDALE®.

 

Scopri di più QUI.

 

 

 

Alessandro Antolini
Consulente Senior Controllo di Gestione

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza